Diego Miguel Mirabella_Mauro Vitturini, Presupposti per un dialogo inesatto (16/03 – 11/05), a cura di Daniela Cotimbo

ImmagineImmagine

Per il secondo appuntamento della programmazione Palazzo Lucarini apre le porte alla doppia personale di Diego Miguel Mirabella e Mauro Vitturini dal titolo Presupposti per un dialogo inesatto, a cura di Daniela Cotimbo.

I due, assistenti di Pietro Fortuna, ritornano a mettere in dialogo la propria ricerca creativa come già avvenuto nel 2011 con la personale DiaSige. In mostra, i lavori appositamente realizzati per la Galleria Cinica.

Il linguaggio artistico, per sua natura, appare incompleto, se comparato ad un sistema di riferimento logico, ed inesatto per il suo proporsi come disfunzione all’interno di una struttura preordinata. Le opere esposte, pur partendo da istanze individuali molto diverse tra loro, si riflettono le une nelle altre sia come interazione tra due universi artistici, sia nell’universale capacità dell’arte di comunicare con il pubblico.

Mauro Vitturini prosegue la sua ricerca sul suono, mentre Diego Miguel Mirabella conduce lo spettatore ad un letterale abbassamento dello sguardo verso l’oggetto, l’ossessione dell’artista.

Entrambi cercano di dare forma al pensiero attraverso un approccio analitico: il primo sfrutta l’elemento sonoro per creare un’ambiguità percettiva in grado di rimandare a sé stessa e ad una molteplicità di esperienze, il secondo, attraverso il suo ripiegarsi oggettivo sul reale, pone le basi per un dialogo col mondo circostante.

L’esposizione – allestita in due sale – offre la possibilità di conoscere in primis le due individualità e, solo successivamente, di sperimentare il lavoro a quattro mani ideato nel periodo di permanenza degli artisti a Trevi, nato come tentativo di rendere immagini i presupposti che  danno titolo alla mostra.

Annunci