Grazie!!

Ringraziamo tutti quelli che sono stati con noi ieri pomeriggio per la doppia inaugurazione della mostra di how to cure our soul “Văcŭus” presso Galleria Cinica e di Pierluigi Calignano “Non dire, non aggiungere” presso Palazzo Lucarini. Continua a leggere

Annunci

WORK IN PROGRESS for the NEXT OPENING with: Magnus Frederik Clausen_THE TOMATO SYNDROME_curated by ARTNOISE

NEXT OPENING with: Magnus Frederik Clausen_THE TOMATO SYNDROME_curated by ARTNOISE Continua a leggere

Current exhibition (28/09 – 25/10/2014): Federica Di Carlo_Riflessione diffusa, a cura di Carla Capodimonti

“Ognuno prende i limiti del suo campo visivo per i confini del mondo.” (Arthur Schopenhauer, Parerga e paralipomena, 1851) La percezione della luce diffusa dalla superficie degli oggetti è il nostro più importante meccanismo di osservazione visiva. Se ci guardiamo … Continua a leggere

Next opening (28/09/2014): Federica Di Carlo_Riflessione diffusa, a cura di Carla Capodimonti

Il quarto appuntamento della stagione 2014 della programmazione riservata ai giovani artisti e giovani curatori di Palazzo Lucarini Contemporary di Trevi, apre le porte all’artista Federica Di Carlo con la personale dal titolo Riflessione diffusa, a cura di Carla Capodimonti. Dopo … Continua a leggere

NEXT OPENING 17/05/2014 H 18: (Come) Achille_The worst way in the worst place. Il modo peggiore sul terreno peggiore, a cura di Carla Capodimonti

Immagine(Come) Achille propone un lavoro fortemente autoironico, aspetto percepibile in tutta la sua produzione artistica e che riflette un approccio autocritico nella quotidianità.
The worst way in the worst place. Il modo peggiore sul terreno peggiore, titolo del video dal quale prende nome l’intera mostra, è una dichiarazione d’intenti. L’artista si mette “a nudo” facendo la cosa che odia di più nel luogo meno adatto possibile. Egli si espone sul “terreno” dell’arte nel modo peggiore, cosciente pertanto dei propri limiti.
Da ciò prende forma l’intero lavoro – presentato a Galleria Cinica – che si sviluppa nello spazio, per l’occasione contenitore o incubatore di un’opera in divenire. Un lavoro di arte condivisa che riflette sul mondo dell’arte stessa, ovvero un sistema che l’artista percepisce ad appannaggio di pochi. 

Tramite la condivisione e la comunicazione postale, che crea un feed-back tra mittente e destinatario, nasce e si estende il progetto Be my Peggy/Piggy: un circuito comunicativo che mette in contatto persone provenienti da varie parti del globo tramite la condivisione di conoscenza, intendendo quest’ultima come “bene comune”. Lo scopo del lavoro è esclusivamente sociale; la rete si sviluppa e prende forma grazie alla risposta dei destinatari, i quali diventano mecenati di un pensiero e prendono coscienza di informazioni a loro precedentemente note o meno.
L’artista si pone contro i massimi sistemi dell’arte, la quale, poiché patrimonio universale, non dovrebbe essere così lontana dall’uomo. 

NOTA SULL’ARTISTA:
(Come) Achille (1980) partecipa a varie mostre e iniziative sia in Italia che all’estero. Dal 2004 è membro dell’associazione culturale Attack con la quale collabora e partecipa alle due edizioni (2011-2012) dell’Attack Urban Art Festival a fianco di vari nomi come: Ericailcane, Sten&Lex, Dem, Hitnes, Ever, Moneyless, 108, Lucamaleonte. 
Dal 2009 dedica la sua ricerca alla pittura murale urbana, con un frequente riferimento ai temi del sociale ed un costante impegno in attività comunitarie, considerando lo spazio urbano come la superficie più grande tramite la quale poter comunicare alla collettività. Nel 2010 partecipa al workshop/residenza “Manufatto in situ/campobase” organizzata dall’Associazione Culturale VIAINDUSTRIAE con la presenza, tra i vari tutors, di Caretto&Spagna. Nel 2011 è ospite al Piknik Fesztival di Esztergom (Ungheria). Nel 2012 partecipa all’iniziativa didattica OFFICINEDELLUMBRIA (Laboratori di sperimentazione creativa) organizzata da Palazzo Lucarini Contemporary. Negli ultimi anni si dedica alla tecnica della serigrafia concretizzando il suo lavoro in uno studio/laboratorio dove sperimenta l’utilizzo di materiali come la cartapesta e i tessuti naturali. Nel 2013 viene invitato, nel ruolo di tutor della sezione “arte”, a Rosarno (RC) per l’iniziativa “A di Città”, festival di rigenerazione urbana.

Promemoria sabato 5 Aprile 2014:

Vi aspettiamo oggi pomeriggio alle ore 18.00 a Trevi per l’inaugurazione della mostra: Aurélien Mauplot_Desillusions, a cura di Carla Capodimonti. Non mancate!!!

Immagine

NEXT OPENING 05/04/2014 H 18: Aurélien Mauplot_Desillusions, a cura di Carla Capodimonti

Aurélien Mauplot, classe ’83, presenta un progetto basato su riflessioni di carattere filosofico e scientifico riguardo ai limiti della percezione umana in relazione al proprio ambiente naturale e sociale.

L’artista francese sviluppa la sua ricerca partendo dall’approfondimento dell’opera La Repubblica di Platone – nella quale l’autore analizza il celebre “mito della caverna” – rimodellandone il contenuto e mettendo alla prova lo sguardo e la percezione che l’uomo ha del mondo circostante.

I limiti fisici vengono inoltre esplorati e svelati – nello scalare la vetta più alta della terra – nel libro di Maurice Herzog, Annapurna. Il primo 8000, al quale l’artista fa riferimento per rivelarne un altro punto di vista, o identificare la parte superiore, in direzione inversa. Mauplot restituisce alle pagine del libro le cime, o i confini, del mondo utilizzando la linea di Karman, fisico ungherese, scomparso nel 1963, che definisce il profilo della terra dallo spazio.

 

VI ASPETTIAMO!!!

Promemoria Sabato 15 Febbraio h 18 >>

Galleria Cinica vi aspetta con la prima mostra del 2014! 

Ore 18 a Trevi (PG) con: Lara Pacilio_PNEUMA, a cura di Maila Buglioni.

Immagine

Il progetto presentato per Galleria Cinica è un ciclo di lavori imperniati sul concetto di follia, intesa come quella pazzia latente e nascosta in ognuno di noi ovvero come squilibrio psichico appartenente al mondo contemporaneo.

“Tutta la vita umana non è se non una commedia, in cui ognuno recita con una maschera diversa, e continua nella parte, finché il gran direttore di scena gli fa lasciare il palcoscenico.”

(Erasmo da Rotterdam, Elogio della Follia, BUR Biblioteca Universale Rizzoli, 2004, p. 52)

Galleria Cinica 2014!!!

(15/02/2014 h 18) Lara Pacilio_PNEUMAa cura di Maila Buglioni 

La ricerca artistica di Lara Pacilio si caratterizza per un inedito intreccio tra arte visiva, teatro e musica. Sua fonte inesauribile d’ispirazione è l’essere umano inteso come soggetto da investigare per esplorarne l’anima, i sentimenti e le emozioni provocate in particolari situazioni di disagio col fine di esternarle, renderle visibili attraverso differenti media artistici.

Immagine

Opening sabato 15 Febbraio h 18. Vi aspettiamo!!

21/12/2013: Are you ready??

Vi aspettiamo oggi pomeriggio alle ore 18.00 per l’inaugurazione della mostra di Amedeo Abello & Cinzia Delnevo Legami deboli, a cura di Celeste Ricci.

L’attività di questi due giovani artisti si basa su ricerche e linguaggi differenti e giunge di conseguenza a risultati che hanno pochi elementi in comune. Presentare la distanza piuttosto che la vicinanza, la singolarità INVECE che l’insieme è quello che la mostra si propone. Ispirata a un famoso saggio scritto dal sociologo Mark Granovetter nel 1973, La forza dei legami deboli, la mostra pone l’accento sulla distanza delle relazioni sociali – artistiche, e su quei “ponti” che legano mondi sociali lontani, i quali ci sarebbero altrimenti del tutto sconosciuti.

Image

 

Sponsor:

Image

 

Si ringrazia “Casa Gran Panorama”: 

http://www.vrbo.com/461467

https://www.facebook.com/pages/Gran-Panorama-Casa-Vacanze/129055210615145